Massaggio Tantra per l’uomo

DSC08137

Non è un massaggio erotico né genitalizzato. Il massaggio non punta all’eccitazione ma ad un’esperienza di amorevole meditazione. Non viene effettuato il massaggio lingam.

Le parti intime vengono sfiorate come qualsiasi altra parte del corpo, senza indugiare. Nel caso di un uomo, singolo, è necessario sentirsi pronto a vivere una dimensione di questo tipo.

Il Massaggio Tantra “Il Respiro del Corpo” è un viaggio indimenticabile nella integrazione del proprio io sottile in grande condivisione con la massaggiatrice tantrica. Prevede, infatti, un grande contatto corporeo che veicola le emozioni.
Si svolge in nudità, sia del massaggiato che della massaggiatrice, su tatami, con olio caldo, con luci soffuse, accompagnati da musiche adatte, di stile indiano.
E’ un contatto a sfioramento, in cui le mani vanno molto lentamente dove sentono di andare, seg
uendo il loro libero sentire, senza uno schema né un’intenzione, stando sempre presenti in ogni istante.
Pur essendo un massaggio molto intimo, in cui le emozioni scorrono liberamente, non c’è alcun contatto sessuale. Le sensazioni corporee, così uniche, sollecitate in questo massaggio, hanno la funzione di dare al massaggiato un livello di “Presenza Cosciente” nel “Qui e Ora” che porti a vivere il più pienamente possibile un’esperienza a lui completamente dedicata. Un’esperienza di piena connessione con se stesso e con lo spazio che lo circonda.

Per l’uomo ricevere questo massaggio vuol dire entrare completamente in un’energia FemminIMG_20151014_153401ile, quella di cui la donna è portatrice, ma anche nella propria.
Lo stato di ricettività, di interiorità, lo Yin, è ormai da millenni proibito all’uomo, impedendo la possibilità di integrare al proprio interno queste due polarità e ostacolando così la giusta fluidità energetica con la donna.
L’uomo può avere l’occasione di conoscere una modalità di contatto con il corpo della donna che non rientra nelle usuali esperienze erotiche o sessuali ma che conduce ad un’accogliente sensualità.
Durante il massaggio, l’uomo è in una situazione di ricettività, e sperimenta l’ascolto delle sensazioni corporee e delle emozioni senza passare al “fare” qualcosa.
Non è parte attiva e lascia che la donna lo conduca al contatto con se stesso. Un atteggiamento attivo n
on solo distoglierebbe lo stato meditativo della massaggiatrice, impedendo la giusta prosecuzione del massaggio, ma terrebbe l’uomo sempre attaccato a modalità già ampiamente conosciute e sperimentate.

Il corpo ne riceve un grandissimo beneficio perché va gradualmente liberandosi da tante tensioni e strettoie mentali, sentendosi in qualche
momento un tutt’uno col massaggiatore/trice e con l’ambiente energetico circostante. E’ un contatto molto coinvolgente che conduce la persona ad entrare, senza sforzo, quasi senza accorgersene, in unaDSC08187 dimensione di grande “presenza” e grande Cuore. Un’esperienza che, fatta nella giusta apertura, senza aspettative m
entali, può portare importanti momenti di consapevolezza.

Possono anche emergere delle energie sessuali, in quanto i piani energetici che vengono messi in movimento sono vari e molto personali. L’esperienza aiuta a sentirli tutti e a non restare bloccati solo su un piano energetico, che per l’uomo può essere quello sessuale, a cui è più direttamente abituato. Ma tutto ciò che arriva deve rimanere un vissuto personale. Passare attraverso i vari livelli energetici lascia una sensazione di pienezza, di vibrazione nel corpo e di vitalità che rendono unica questa esperienza, se fatta nella giusta apertura e senza aspettative mentali.
Attraverso questa pratica tantrica sia l’uomo che la donna possono sperimentare la capacità di stareIMG_20151014_153536
nel piacere del corpo, dei sensi, del cuore e dello spirito, rompendo quello schema mentale che ci ha portato a vivere la sessualità quasi esclusivamente come un raggiungimento dell’orgasmo, impoverendola dell’enorme potenzialità di crescita, di appagamento e di gioia che ci offre.

L’incontro dura in tutto tre ore. Il massaggio ha la durata di un’ora e mezza circa. È preceduto da un momento di conoscenza e informazioni e seguito da una condivisione professionale su quanto è emerso. A volte, se la situazione lo permette o lo richiede, può essere arricchito con meditazioni, danze, altri tipi di trattamenti olistici.

www.formazionetantra.it